Discorso Di Forlì

Oggi Forlì ha assolto al suo compito di riconoscenza verso gli eroi che combatterono per la Patria. Ed è giusto che il monumento ai caduti comprenda anche i martiri della rivoluzione Fascista. Qualche volta i ritardatari si domandano con chi oggi sarebbero i caduti della Grande Guerra vittoriosa. Con noi. Perché è questa l’Italia che essi volevano. L’Italia forte, ordinata, potente, tenace nei suoi sforzi e nelle sue fatiche. Ma c’è la prova. Con chi sono i mutilati? Con chi sono i combattenti? Con chi è tutta la generazione che ha sofferto il calvario della guerra? E’ con il Regime, è con la rivoluzione delle camicie nere. (Applausi).

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy